iLoveTrading

UE, i ministri delle finanze si riuniscono oggi alle 15.30

I ministri delle finanze europei, oggi, cercheranno di trovare un termine per l'elaborazione di una serie di aiuti supplementari alla risoluzione della crisi del debito e per la formazione di nuove regole di bilancio, dato che la fiducia degli investitori diminuisce in maniera costante.

I ministri delle finanze terranno una video conferenza alle 15 e trenta per discutere di un aiuto di 200 miliardi di euro in finanziamenti aggiuntivi, attraverso il Fondo monetario internazionale, e circa la meccanica del cosiddetto compatto fiscale, negoziato lo scorso 9 dicembre. L'obiettivo è quello di trovare una soluzione prima di Natale, ma c'è dubbio che i mercati possano essere in uno stato d'animo migliore prima di domenica prossima.

L'accordo circa le regole di bilancio non è riuscito a diminuire la preoccupazione legata ai rischi dell'unione monetaria. Fitch Ratings ha abbassato l'outlook del credito francese, affermando inoltre che una soluzione globale della crisi può essere tecnicamente e politicamente fuori portata.

L'obiettivo dell'incontro di oggi è quello di organizzare i prestiti del FMI. Il pacchetto prevede circa 200 miliardi di euro in totale, come abbiamo detto. Purtroppo la natura sistematica della crisi della zona euro sta avendo un effetto profondamente negativo sulla stabilità economica e finanziaria di tutta la regione. L'euro ha perso il 2,5 per cento nei confronti del dollaro durante la settimana scorsa, dopo il vertice di Bruxelles. Il rifiuto del Regno Unito di firmare per la modifica dei trattati ha costretto gli altri leader ad elaborare un nuovo quadro giuridico.

Il portavoce del primo ministro David Cameron ha detto lo scorso 14 dicembre che il Regno Unito non aveva accettato di aumentare il suo contributo al FMI. La cancelliera Angela Merkel ha invece chiesto che il trattato possa offrire la prospettiva di un futuro dell'unione economica europea, tale da ripristinare la fiducia degli investitori.

Il potere della Commissione europea nel far rispettare i limiti di disavanzo sarà rafforzato. I governi dovranno adottare delle regole che puntano sempre al pareggio di bilancio.

Nessun commento ancora

Lascia un commento