iLoveTrading

Regno Unito, si potrebbe evitare una seconda recessione

La Gran Bretagna può ancora evitare una nuova fase di recessione nonostante le turbolenze della zona euro. Una sfilza di cattive notizie dall'economia ha aumentato i timori di una recessione, la Banca d'Inghilterra ha già avviato un nuovo ciclo di allentamento quantitativo per sostenere la ripresa.

Le ultime previsioni economiche della Confederation of British Industry, hanno tagliato le previsioni di crescita inglesi allo 0,9 per cento quest'anno e al 1,2 per cento il prossimo, rispettivamente dal 1,3 per cento quest'anno e dal 2,2 per cento il prossimo anno. Sicuramente secondo alcuni il rischio di una doppia recessione è aumentato. L'economia della Gran Bretagna, che è cresciuta dello 0,5 per cento tra luglio e settembre, è stata particolarmente vulnerabile alla domanda debole relativamente alle esportazioni in Europa, suo primo partner commerciale.

Il problema disoccupazione dovrebbe inoltre ancora preoccupare il paese, dato che il numero di persone senza lavoro dovrebbe salire nel 2012, arrivando ad un picco dell'8,5 per cento. Attualmente tale dato si trova all'8,1 per cento, il tasso più alto dal 1996, poiché le aziende private non riescono a compensare le perdite di lavoro nel settore pubblico. I datori di lavoro sono infatti nervosi, rimandando la decisione di assumere nuovo personale in attesa che le prospettive economiche possano essere migliori. In molti casi essi preferiscono colmare le lacune con dei lavoratori temporanei.

Riguardo all'inflazione, le previsioni sono per un calo dal tasso attuale del 5,2 per cento. Questo a partire dal primo trimestre del prossimo anno. L'obiettivo della Banca d'Inghilterra è quello di raggiungere il 2 per cento nei primi tre mesi del 2013.

Secondo molti l'inflazione cadrà bruscamente l'anno prossimo con alcune decisioni una tantum, come l'aumento delle imposte sul valore aggiunto e a causa degli alti prezzi del greggio.

Date le incerte prospettive economiche e la necessità assoluta di mantenere fiducia verso il mercato del Regno Unito, bisogna trovare dei modi per rivitalizzare la crescita.

Nessun commento ancora

Lascia un commento