iLoveTrading

Ben Bernanke: il QE3 solno come ultima ipotesi

Il dibattito se la Federal Reserve metterà in campo un nuovo Quantitative Easing, per la precisione il QE3, è iniziato ancor prima che il QE2 fosse concluso, la scorsa estate. Ora, sei mesi dopo, il verdetto è ancora da venire, ma la maggior parte degli esperti che sono stati intervistati da CNNMoney, sono in gran parte d'accordo su una cosa: l'economia statunitense dovrà perdere terreno e peggiorare ancora di più prima che il numero uno della Fed, Ben Bernanke, prenderà in considerazione l'idea di un altro giro di QE.

Chi dice QE3 è fuori questione cita che l'economia USA si trova in una situazione di netto miglioramento. La disoccupazione che per la prima volta da mesi si trova al di sotto del 9% , a cui si aggiungono i segnali di forza dell'attività manifatturiera sono un indicatore più che sufficiente. Ma quasi il 75% degli intervistati che invece dicono che il QE3 potrà essere una carta da giocare nel 2012, lo fa considerando che l'Europa potrebbe portare giù anche gli USA.

Nonostante il miglioramento dei rapporti economici degli Stati Uniti, l'evoluzione globale del mercato, soprattutto quello che viene dall'Europa, potrà pesare in maniera grande sulle prospettive di crescita degli Stati Uniti nel 2012. Anche Bernanke è preoccupato per i problemi del debito sovrano europeo, che influenzano l'economia degli Stati Uniti. Nel mese di novembre, la Fed ha provveduto, insieme ad altre banche centrali di 5 altri paesi, a rendere meno costoso, per le banche di tutto il mondo, prendere in prestito dollari statunitensi, nel tentativo di porre fine alla crisi in Europa e di stabilizzare i mercati finanziari globali.

La Fed sta già utilizzando tutti gli strumenti a sua disposizione per arginare la crisi. Il QE3 è un altro strumento che potrà essere aggiunto al "mazzo di carte" della FED, ma che sarà utilizzato solo come ultima risorsa.

Nessun commento ancora

Lascia un commento